E’ iniziato sabato 5 agosto il campo internazionale YOTA UK 2017 che vede la partecipazione di 80 ragazzi – youngsters – provenienti da 27 nazioni. L’edizione 2017 è organizzata dalla RSGB e si possono trovare molte informazioni aggiornate sul loro sito internet.

Tra le nazioni presenti anche l’Italia con 3 giovani radioamatori in rappresentanza dell’ARI appartenenti al gruppo YOTA Italia. I nostri portacolori sono:

  • Luca IU2FRL della Sezione ARI di Mantova – Team Leader
  • Michele IZ1YPF della Sezione ARI di Genova
  • Gianluca IU5IQH della Sezione ARI di Santa Maria a Monte (PI)
Luca IU2FRL – 21 anni, patente da 3 anni è il nostro Team Leader e si presenta così:

“Radioamatore prima per curiosità di quei vecchi apparati che usava mio padre qualche anno fa nella CB e successivamente un’ottima scusa per approfondire gli studi in elettronica e telecomunicazioni.   Vivo a Mantova dove lavoro come elettricista-programmatore in una ditta di macchine automatiche e nel tempo libero collaboro con la sezione Ari di Mantova nei progetti di autocostruzione. La mia passione per la radio è prevalentemente puntata alla sperimentazione, non sono un accanito cacciatore di DX ma preferisco autocostruirmi tutte le mie attrezzature, antenne o apparati che siano.”

 

Michele IZ1YPF  – 20 anni, radioamatore da 5 anni (ovvero da quando aveva 15 anni) e si presenta così:

“Faccio parte della sezione ARI di Genova. Sono uno studente universitario di informatica. La mia attività è principalmente basata sulla partecipazione a contest. Sono stato accolto nel gruppo di IR1Y, dove passo la maggior parte del mio tempo in radio. Ho avuto l’onore e il piacere di operare da IQ1RY e II9P. Opero in CW, RTTY e SSB.”

Gianluca IU5IQH – 16 anni, patente da 4 anni (ovvero da quando aveva 12 anni!) e si presenta così:

“Sono diventato radioamatore perchè già da bambino mi piaceva giocare con i walkie-talkie con mio padre Giovanni (oggi IZ5WQW ndr). Mi sono poi avvicinato a questo mondo anche grazie ai suoi appunti del corso per conseguire la patente da radioamatore, e alle mie richieste insistenti su tutto ciò che li riguardava: cosa volevano dire quei simboli o come funzionavano quelle attrezzature. Con il tempo sono finito ad appassionarmi ed ho chiesto di poter frequentare anche io il corso.
Sono residente a Santa Maria a Monte e socio della omonima Sezione. Frequento attualmente il terzo anno superiore del liceo delle scienze applicate all’ ITIS Marconi di Pontedera. Non ho lunga esperienza in contest o attività di punta anche perchè… fino a circa febbraio non avevo tutta l’attrezzatura! Ma ho già partecipato ad un campo YOTA, quello del 2015 a Marina di Massa e di questa esperienza mantengo un ricordo bellissimo ed indelebile, una esperienza tutta all’insegna della Radio!”

 

L’evento ha durata fino al prossimo 12 agosto e molte sono le attività in programma per permettere ai giovani di acquisire nuove conoscenze tecniche e di instaurare un rapporto di conoscenza ed amicizia con loro coetanei con la quale hanno in comune la forte passione per il radiantismo.

Luogo della manifestazione è il Gilwell Park, nelle prossimità di Londra. Durante tutta la settimana sarà anche attiva la stazione GB17YOTA operata dagli youngsters presenti e che darà la possibilità a tanti di voi di poter avere un qso con le nuove leve del “nostro mondo”.

Ulteriori informazioni sul campo sono reperibili sulla pagina dedicata presente nel sito del progetto YOTA della IARU R1: http://www.ham-yota.com/uk-2017/

Chi vuole conoscere di più sull’attività nazionale del progetto YOTA Italia può visitare il nostro sito www.yota-italia.it o scrivere a “yota chiocchiola yota-italia.it ” o attraverso il modulo Contatti del sito.